Blog

PAVIMENTO DEL DUOMO DI SIENA

Pavimento del Duomo di Siena

Ogni anno è ormai una tradizione l’apertura al pubblico del meraviglioso pavimento del Duomo di Siena.

Quest’anno, per celebrare il Giubileo indetto da Sua Santità Papa Francesco I la città di Siena ed i gestori del Duomo hanno deciso di effettuare un’apertura straordinaria dal 29 giugno al 31 luglio 2016, oltre a quella ordinaria tra il 18 agosto ed il 31 ottobre.

Il Duomo di Siena - Pavimento del Duomo di Siena
Il Duomo di Siena – Pavimento del Duomo di Siena

Queste aperture sono eventi assolutamente imperdibili, in quanto durante il restante periodo dell’anno il pavimento rimane coperto per proteggerlo dalle possibili abrasioni causate dal passaggio dei visitatori; sono quindi le uniche occasioni per immergere i sensi nella bellezza delle incisioni marmoree, che con i loro variegati motivi sapranno coinvolgervi ancora più della già incredibile architettura complessiva della cattedrale.

Interno del Duomo - Pavimento del Duomo di Siena
Interno del Duomo – Pavimento del Duomo di Siena

Costruito tra il 1369 e il 1547, il Pavimento di marmo si compone di 56 pannelli narrativi, costruiti dai migliori artisti senesi dell’epoca. Qui l’arte senese è al suo culmine, e tra i soggetti rappresentati si mescolano allegorie, scene bibliche e motivi geometrici, che spaziano dai dettagli incisi delle sgraffite fino ai marmi policromi dei più elaborati.

Pavimento del Duomo di Siena - Borgo Grondaie
Pavimento del Duomo di Siena – Borgo Grondaie

Nel sagrato, sulla piattaforma al culmine dei gradini di piazza del Duomo si trovano gli intarsi marmorei dedicati al fariseo ed al pubblicano, a simboleggiare sia gli ebrei sia i pagani, che tuttavia non possono assicurarsi la salvezza. Davanti ai portali troviamo invece le “Cerimonie dell’Iniziazione di Nastagio di Gaspare”, risalenti al 1450 circa ed oggi in copia.

Nelle navate laterali si trovano invece i riferimenti alle Sibille, vergini venerate nell’antichità perché ritenute ispirate dal Dio Apollo. Esse indicano l’universalità del messaggio cristiano e sono simboli della rivelazione di Cristo per l’umanità antica: furono rappresentate da vari artisti, e le profezie sono spesso tratte dall’opera apologetica “Divinae istitutiones” di Lattanzio.

Dettaglio Sibilla - Pavimento del Duomo di Siena
Dettaglio Sibilla – Pavimento del Duomo di Siena

La navata centrale, probabilmente la prima ad essere decorata prima a mosaico e poi col sistema del commesso in marmo, ha subito vari rifacimenti nel corso dei secoli a causa della consunzione, mantenendo la decorazione a mosaico nella scena della “Lupa senese attorno ai simboli delle città alleate”, dove le rappresentazioni sono allegoriche.

La Lupa senese - Pavimento del Duomo di Siena
La Lupa senese – Pavimento del Duomo di Siena

Nel transetto sinistro, invece, la rappresentazione concerne motivi legati alla religione ebraica “sub lege”. Sono scene grandi, affollate da molti personaggi, com’è tipico delle scene della crociera. Le vicende ebraiche vengono usate per trasfigurare quelle senesi come era tipico all’epoca, in cui si mescolava facilmente politica e religione.

A tal proposito, la scena della “Strage degli Innocenti” fu probabilmente rappresentata sia per la crudeltà degli avvenimenti sia perché ricordava la fine traumatica e gloriosa dell’indipendenza della città.

Strage degli Innocenti - Pavimento del Duomo di Siena
Strage degli Innocenti – Pavimento del Duomo di Siena

Nel transetto destro si trovano le rappresentazioni di “Assalonne e di Iefte”: nella parte superiore troviamo la “Morte di Assalonne” e in quella centrale il “Sacrificio di Iefte”, stupende raffigurazioni ricchissime di figure.

Morte di Assalonne - Pavimento del Duomo di Siena
Morte di Assalonne – Pavimento del Duomo di Siena

Il pavimento, tuttavia, si pregia di altre stupende incisioni di cui riteniamo sia superfluo parlare in questa sede: per questo, noi del Borgo Grondaie vi consigliamo caldamente di immergervi alla scoperta di queste e delle altre bellezze che soltanto il pavimento del Duomo di Siena sa regalare.

 

Contattaci

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest