Blog

Il cliente ha sempre ragione?

Sì, tecnicamente il cliente ha sempre ragione, ma fino a che punto dobbiamo assecondare le sue richieste?

Qui al Borgo Grondaie non ci sono mai state richieste bizzarre o lamentele incomprensibili da parte dei nostri ospiti, ma leggendo sui social del settore si trovano davvero delle situazioni molto particolari che, anche albergatori esperti, hanno avuto difficoltà a gestire.

il cliente ha sempre ragione? Hotel Borgo Grondaie
Il cliente ha sempre ragione? – Il campanello della Reception…il piu’ suonato.

A questo proposito Skyscanner e Trivago, i più importanti siti di prenotazione di hotel di tutto il mondo, hanno condotto un sondaggio con circa 400 addetti di hotel in 49 paesi e stilato una classifica delle richieste più stravaganti in hotel del 2016:

Conquista il primo posto la richiesta, alquanto bizzarra, di un cliente che ha ordinato un bicchiere d’acqua ad ogni ora. Certo il cameriere avrà avuto il suo bel daffare per accontentarlo (ma prendere una bottiglia d’acqua intera no?)

Seguono le richieste insolite, sempre in tema culinario, di chi ha preteso 15 cetrioli al giorno, di chi ha chiesto di mangiare solo le cosce destre del pollo , oppure una zuppa di coccodrillo. Cosa dire della signora in cerca di un momento di relax che ha richiesto ad un hotel di riempire la vasca da bagno di cioccolato al latte.

il cliente ha sempre ragione? Hotel Borgo Grondaie
Il cliente ha sempre ragione? un vasca di cioccolato al latte.

Sedici cuscini per un solo ospite servono probabilmente ad un’aspirante principessa sul pisello oppure a conciliare il sonno di un cliente difficile, così come il suono delle campane delle capre.

Difficile da comprendere e anche un po’ disgustosa arriva perfino la richiesta di un ospite di avere un topo morto.
Concludiamo la nostra classifica con la richiesta di un cliente di riempire il WC con l’acqua minerale, che pensandoci bene, forse a confronto delle altre sembra quasi la più normale.

il cliente ha sempre ragione? Hotel Borgo Grondaie
Il cliente ha sempre ragione? – i clienti parlano di noi…

Noi lo sappiamo bene che non possiamo piacere a tutti. Per questo accettiamo volentieri le critiche costruttive che fanno bene al nostro lavoro, mentre invece le lamentele di clienti troppo esigenti o comunque incontentabili ci lasciano sempre un po’ l’amaro in bocca e un senso di sconfitta.

Per rendere un’idea di ” lamentele molto strane”, lo stesso sondaggio ci rivela una serie di situazioni davvero al limite dell’assurdo.
E’ il caso dell’ospite che chiede lo sconto sulla stanza perché il russare della sua ragazza gli aveva impedito di dormire o di quello che chiede il rimborso perché il suo cane non si era trovato bene e non aveva apprezzato l’ albergo.

Una simpatica richiesta di rimborso arriva da una ragazza che accusa l’hotel di essere rimasta incinta durante il soggiorno perchè la loro stanza aveva il letto matrimoniale.

il cliente ha sempre ragione? Hotel Borgo Grondaie
Il cliente ha sempre ragione? – una delle lamentele più bizzarre

 

Difficile non provare empatia per il personale di un hotel in Italia ( a 80 km dal mare ) e per uno a Londra che hanno dovuto placare dei clienti indispettiti perchè la loro camera non aveva la vista mare. Poverina quella signora che ha dovuto lamentarsi in hotel perchè essendo permesso il topless in spiaggia, il marito non poteva rilassarsi.

Le lamentele dei clienti in hotel si riconoscono dall’ aggettivo  “Troppo”
Usiamo il “Troppo” quando qualcosa non ci piace ma non sappiamo come spiegarlo.
Mare… troppo azzurro, Gelato.. troppo freddo, Cameriere…. troppo bello (questa non è della signora di prima), il bagno…troppo grande (di solito è il contrario) e per finire le lenzuola….troppo bianche (beh sì, in effetti darebbero fastidio a chiunque).

Se vi sembrano delle assurdità, è perchè di sicuro non siete questo tipo di clienti e per questo
siete i benvenuti a Borgo Grondaie – Siena.

 

Vi aspettiamo…

 

il cliente ha sempre ragione? Hotel Borgo Grondaie
Hotel Borgo Grondaie

 

Pubblicato da Hotel Borgo Grondaie
Jessica

 

 

 

 

 

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest