Blog

Fiera del Cacio

Nella città di Pienza dal 31 agosto al 5 settembre si terrà la Fiera del Cacio, uno degli eventi più attesi da cittadini e turisti. Un’occasione in cui sarà possibile degustare il prezioso formaggio locale ed assistere al popolare Gioco del Cacio al Fuso, che vede le sei contrade della città disputarsi il Palio. Tra gli eventi più importanti vi è il “Premio Pienza”, il Concorso Caseario riservato ai pecorini delle province di Siena, Arezzo e Grosseto, organizzato dalla Delegazione Siena Arezzo dell’ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggi), che si svolgerà in Sala Convegni.

Fiera del Cacio-Hotel Borgo Grondaie
Fiera del Cacio-Pecorino di Pienza

Pienza è situata nel cuore della Val d’Orcia ed ha ottenuto il riconoscimento di sito Unesco nel 1996. La sua storia è legata a quella di Enea Silvio Piccolomini, nato a Pienza il 18 ottobre 1405, divenuto poi papa nel 1458 con il nome di Pio II. Egli volle trasformare la città di Pienza da un piccolo borgo medievale a residenza papale e infatti i suoi palazzi spiccano per la loro eleganza e per l’architettura rinascimentale.

Fiera del Cacio-Hotel Borgo Grondaie
Fiera del Cacio-Veduta di Pienza

Dal 1974 si svolge la Fiera del Cacio, la cui scenografia è la Piazza Pio II. Il Gioco del Cacio al Fuso viene disputato fra le sei contrade. L’obiettivo da colpire, facendo rotolare cinque chili di formaggio, è un fuso, uno di quelli che servivano un tempo per la filatura delle lane, collocato in verticale al centro della Piazza. A rendere più difficile la sfida è riuscire a far ruzzolare il formaggio sulle pietre sconnesse e un po’ inclinate dello storico selciato.

Fiera del Cacio-Hotel Borgo Grondaie
Fiera del Cacio-Piazza Pio II

 

In passato, i caseifici non erano molto diffusi e il pecorino veniva prodotto nelle fattorie. Il “Cacio di Pienza” è uno dei formaggi più antichi della Val d’Orcia, e per questo viene chiamato “caseolus” antico. Per la sua particolare forma piccola e rotondeggiante fu commercializzato a Pienza e nelle Crete Senesi fin dall’antichità.

Attualmente vi sono sei-sette caseifici che producono pecorino di alta qualità e altri formaggi della Val d’Orcia. Verso la fine dell’Ottocento il Cacio di Pienza giunse all’Expo di Parigi e in America, e la sua fama all’estero si è mantenuta fino ai nostri giorni.

E voi siete curiosi di assaggiare il famoso Pecorino di Pienza?

Borgo Grondaie rappresenta il punto di partenza ideale per un tour alla ricerca dei prodotti tipici toscani di qualità.

Contattaci

Giorgia

Pubblicato da Borgo Grondaie

Salva

Salva

Salva

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest