Blog

CONOSCERE LE CONTRADE grazie a #unterzociascuno

Oggi parliamo delle Contrade del Palio di Siena.

Raccontare la mia città dovrebbe essere, per chi come me c’è nata e cresciuta, operazione molto semplice. Trovo invece il compito molto arduo.

Se è vero che l’individuo è  fatto di storia e ambiente, credetemi che nel sangue dei senesi scorre “Contrada” allo stato puro. Molti di Voi potrebbero pensare alla pura e semplice esaltazione di una senese che vuole beatificare la sua città ed i suoi concittadini, ma non è così. Se state leggendo questo post da futuri turisti il mio intento sarebbe di provare ad aprire i vostri occhi su aspetti che non sono visibili e chiari a primo impatto. Le Contrade di Siena hanno avuto compiti mutualistici dai loro albori, erano il punto di riferimento di una comunità che, in tempi ormai remoti, si identificava con una specifica corporazione di mestiere e che viveva e operava all’interno delle mura della città, in una zona specifica, che forse molti di voi individuerebbero come “quartiere”. A  Siena di Contrade ce ne sono 17 ed ognuna di loro è il punto di riferimento per i cittadini senesi di tutte le età. Ogni Contrada ha la sua sede fisica dove si svolgono attività tutto l’anno: un bar, cucine attrezzate per centinaia e spesso migliaia di commensali, spazi verdi, e poi musei, chiese…tutto resta in vita grazie al volontariato dei contradaioli. Se questo non vi sembra abbastanza pensate che spesso le contrade sono intervenute per la salvaguardia dei monumenti all’interno del loro territorio, alla difesa dei figli più deboli. La bellezza e ricchezza delle loro sedi e musei è incommensurabile e perciò Vi consiglio una visita guidata. La visita va prenotata con largo anticipo e la cifra che vi chiederanno è ridicola per l’esperienza che ne trarrete.

Grazie al blogtour organizzato dal Borgo Grondaie #unterzociscuno ho avuto l’onore di visitare due Contrade ed i loro musei. Le foto che vi mostro ne sono una piccola sintesi!

Gaia

Conoscere le contrade - Hotel Borgo Grondaie Siena
Uno dei musei delle contrade di Siena

Salva

Salva

Salva

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest