Blog

Il Palio - Visitare Siena

10 piccoli suggerimenti sul Palio di Siena

10 piccoli suggerimenti sul Palio di Siena

Tutti sanno cos’è il Palio di Siena. Ma quanti di voi conoscono nel dettaglio questa splendida manifestazione?

Ecco una breve guida con dei suggerimenti sul Palio!

 

1- “Barberi”

I barberi sono piccole sfere di legno colorate con i colori di ciascuna Contrada: utilizzate principalmente dai bambini, sono il fulcro del “Gioco dei Barberi”, una sorta di gara fatta su una piccola pista di legno, che ha lo scopo di simulare il tracciato della vera gara. Durante molti eventi locali, anche gli adulti si dilettano con i barberi, un gioco che accomuna grandi e piccini! È possibile acquistare per pochi euro (1 o 2, solitamente) un biglietto che rappresenta ogni contrada (in totale ci sono 17 barberi  e 17 biglietti). Se il barbero che simula la contrada del vostro biglietto vince, sarete premiati con una bottiglia di vino o un prosciutto!

I barberi di Siena
I barberi di Siena

 

2-  Le contrade soppresse

Attualmente, ci sono 17 contrade a Siena. Alcuni secoli addietro, però, ce ne erano anche altre.

Dal 1729, sei contrade sono state abolite, probabilmente perché nel corso del tempo si sono fuse con le diciassette rimanenti: erano il Gallo, il Leone, l’Orso, la Quercia, la Spadaforte e la Vipera, e sono ancora ricordate da sei cavalieri con l’elmo abbassato durante il corteo storico, che si svolge in Piazza nelle ore prima del Palio.

Le diciassette contrade
Le diciassette contrade

 

3- Musei delle Contrade

Sono diciassette, uno per ogni contrada, e contengono il patrimonio di ogni contrada: antichi costumi, bandiere, cimeli secolari e molto altro. Ogni museo contiene elementi diversi e mostra ai visitatori vari reperti, provenienti da precedenti Palii. Questi musei esistono soltanto grazie al lavoro volontario dei contradaioli e alle loro donazioni alle contrade, per preservare queste esposizioni e questi tesori incredibili. Vi raccomandiamo di visitare questi musei: sono uno dei modi migliori per respirare a pieno la magnifica atmosfera del Palio!

Uno dei musei delle contrade di Siena
Uno dei musei delle contrade di Siena

 

4- La benedizione del cavallo

La benedizione del cavallo è qualcosa di molto particolare e unico, e merita sicuramente di essere vista! Da nessuna parte se non a Siena accade una cosa simile! La benedizione si svolge il giorno della corsa del Palio nella chiesa di ogni Contrada, attorno alle quindici. Poiché molte chiese sono davvero minuscole, la precedenza per l’ingresso è data ai contradaioli. Se siete ammessi a vedere la benedizione, ricordate di non usare macchine fotografiche con flash e di restare rigorosamente in silenzio. Il sacerdote benedice sia il fantino sia il cavallo e nel discorso finale esorta il fantino dicendo “va e torna vincitore”!

Benedizione del Cavallo
Benedizione del Cavallo

 

5- La cena della Prova Generale

Il Palio dura quattro giorni. Ogni giorno ci sono due prove. La più importante è quella della sera precedente la corsa del Palio: la Prova Generale. Dopo questa prova, ogni  Contrada in corsa per il Palio organizza una cena lungo le strade del suo territorio. La felicità è legata alla possibilità che la contrada ha di vincere la gara. Più forti sono il cavallo e il fantino, più forti sono i canti e la gioia che si respira in queste strade: non mancate a queste cene, rappresentano un pilastro della tradizione di Siena! Anche se la cena è nata per i contradaioli, è comunque aperta a tutti. Ricordatevi che è obbligatorio prenotare in anticipo.

Cena nel Nicchio
Cena nel Nicchio

 

6-  Le diciassette Contrade ed i terzi della città

Una delle cose che la maggior parte delle persone non sa di Siena è che il suo centro è diviso in diciassette Contrade più tre terzi:  il  “Terzo di Camollia”,  il “Terzo di San Martino” e il  “Terzo di Città”.

Il Terzo di Camollia include le contrade del Bruco, del Drago, della Giraffa, dell’Istrice, della Lupa e dell’Oca. Nel Terzo di Città ci sono le contrade dell’ Aquila, della Chiocciola, dell’ Onda, della Pantera, della Selva e della Tartuca. Nel terzo di San Martino invece si trovano le contrade della Civetta, del Leocorno,  del Nicchio, della Torre e quella di Valdimontone.

I Terzi della Città
I Terzi della Città

 

7- Messa del fantino

Durante la mattina della corsa del Palio, poco prima dell’ultima prova (la “Provaccia”),  nella piccola cappella sotto alla “Torre del Mangia” in Piazza del Campo viene celebrata la cosiddetta “Messa del Fantino”. E ‘considerata un modo di benedire i fantini e la gara.

Cappella di Piazza del Campo- Palio di Siena
Cappella di Piazza del Campo

 

8- Masgalano

Il giorno della gara si svolge lungo la strade di Siena e poi all’interno di Piazza del Campo una passeggiata storica in costume medievale. Ogni contrada partecipa alla sfilata e la migliore performance viene premiata con una scultura fatta da artigiani senesi: il Masgalano. Si tratta di un premio molto importante in quanto i membri di ogni Contrada investono molto tempo a prepararsi per ottenere le migliori prestazioni possibili. Il Palio di Siena è anche questo!

Il Masgalano
Il Masgalano

 

9-  Il “Drappellone”

Ogni anno, per celebrare il Palio, viene assunto un artista per dipingere questo drappellone, che è il premio per la contrada vincitrice della corsa. Per il Palio di Siena di luglio, l’artista ingaggiato per dipingerlo è generalmente un pittore locale, mentre per il Palio del mese di agosto l’artista che si occupa del Drappellone è di fama internazionale. I più famosi pittori che si sono occupati del Drappellone sono Gottuso, Botero, Valdez e Nespolo.

Il Drappellone
Il Drappellone

 

10- Processione del Cero

La religione svolge un ruolo importante nella corsa del Palio. Il 14 agosto, tutte le contrade che corrono la gara sfilano per portare il Palio dal Municipio al Duomo. Questa celebrazione, forse un poco mistica, viene fatta per chiedere alla Vergine protezione durante la corsa e per propiziarsi la vittoria. Un grande cero decorato è portato da 4 bambini per ogni Contrada e viene donato alla Vergine.

Processione del Cero
Processione del Cero

 

Alcuni consigli utili

– Ricordate sempre di non avvicinarvi ai cavalli. Sono protetti dalle transenne e un folto gruppo di contradaioli.

– Non assillate i contradaioli con domande o foto. Per loro, il Palio è un momento sacro.

– Non fate battute né siate sarcastici vedendo i contradaioli in ansia prima della partenza. Non mostratevi impazienti se la Mossa viene ripetuta varie volte.

Se venite da noi per il Palio di Siena, non dimenticate che il giorno dopo la gara i vincitori fanno uno splendido corteo per celebrare la vittoria! Restate al Borgo Grondaie  un altro giorno per godervi appieno la splendida festa!

Vi aspettiamo! Ai prossimi aggiornamenti!

Contattaci

Salva

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on Pinterest