English (United Kingdom)Italian - ItalyDeutch
Ottimizzato per Firefox

Enoteca - Siena

L’enoteca del Borgo Grondaie nasce principalmente dal nostro amore per il vino. Non abbiamo la pretesa di essere degli intenditori ma semplicemente  passionisti di questo fantastico frutto della natura, sapientemente trasformato dalle mani dell’uomo.

I vini che proponiamo nella nostra cantina provengono in parte da una collezione privata che raccoglie vini da diverse zone d’Italia. Molti di questi vino sono molto pregiati perché di annate molto ricercate e particolarmente apprezzate dai collezionisti. Per questo abbiamo ritenuto necessario l’inserimento di aziende vitivinicole locali, soprattutto produttrici di Chianti Classico e IGT. Il nostro obbiettivo è stato quello di cercare produttori che fossero in grado di offrire un ottimo connubio tra prezzo  e qualità del prodotto in modo da renderlo appetibile a tutti.

Apprezzerete  molto di più i nostri vini se viaggerete nei luoghi che lo contaminano, che gli danno vita e lo ingentiliscono. E capirete perché il vino narra una storia degna di essere raccontata.

Vi proponiamo qui di seguito due itinerari: uno nelle zone del Chianti e l’altro a sud verso le terre del Brunello.

Il nostro viaggio è nell’ombelico della terra del Chianti Classico, zona collinare e di particolare bellezza tra Siena e Firenze. Si percorre la ss222 in direzione Castellina in Chianti. La prima fermata, doverosa, è a Fonterutoli, ricordata per la prima volta in un documento del 998. Il luogo è noto agli studiosi perché è nella chiesa del borgo – Chiesa di San Miniato – fu stipulato l’accordo che pose fine alle guerre tra Siena e Firenze. Dell’antico borgo resta l’impianto urbano con la piccola piazza dove si affaccia la chiesa nuova e varie abitazioni che risalgono al 1500. Per la visita alla cantina Mazzei, proprietari del marchio Fonterutoli, bisogna prenotare in anticipo al numero 0577.741385 oppure contattate Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. La degustazione di quattro dei loro vini costa 5 euro.

Da Fonterutoli si prosegue sulla 222 direzione Castellina in Chianti. In località Castellare, non lontano da Castellina, Vi suggerisco una fermata al Podere Castellare, un’azienda di 80 ha di cui 33 a vigneto.  I vini sono di qualità eccellente, premiati più volte con punteggi molto alti su Wine Spectator. A far dar cornice ai vini prodotti, di cui Vi consiglio “I Sodi di San Niccolò” prodotto con soli vitigni autoctoni, ci sono le bottiglie con etichette bellissime, da collezione. Per maggiori informazioni contattate l’azienda 0577.742903 oppure via mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Da Castellina in Chianti proseguiamo il viaggio lungo la statale 429 in direzione Radda in Chianti. Il paese merita sicuramente una visita. Abitato sin dal IX secolo a.C., il paese  fu sede della Lega del Chianti e del Podestà, come testimonia lo splendido Palazzo del Podestà. Da veder la Ghiacciaia Granducale, costruita nel 1800 per conservare la neve e trasformarla in ghiaccio ed il museo d’Arte Sacra del Chianti.

Tra le aziende vinicole che Vi consigliamo di vedere nella zona di Radda citiamo Volpaia ed il castello d’Albola.

La visita guidata di Volpaia necessita della prenotazione che potete effettuare contattando via mail l’Azienda – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – oppure telefonicamente -  0577.738066 –

 

La particolarità dell’azienda è che tutto il Borgo è coinvolto nella produzione. Le tinaie, le cantine, la vinsantaia, l’imbottigliamento, l’orciaia ed il frantoio sono ubicati nei sotterranei, nei palazzetti, nelle chiese sconsacrate e tutti collegate da un vinodotto sotterraneo.

Il Castello d’Albola risale al XII secolo mentre il Borgo medievale fu edificato nel XV secolo. La proprietà si estende per 850 ettari di cui 157 a vite. La sala degustazioni, all’interno del bellissimo Borgo, è aperta da Aprile a Novembre tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 18.30. Per maggiori informazioni contattate il numero 0577.738019 oppure Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Dirigetevi da Radda verso Gaiole in Chianti lungo la 408. Vi suggeriamo una fermata alle Ceramiche Rampini. Lì non si parla di vino ma di ceramiche di una bellezza indescrivibile. Per gli appassionati una tappa obbligatoria.

Si continua il percorso sulla strada 408. Molte ville storiche sono presenti nel territorio del Chianti. Noi vi suggeriamo la visita – e naturalmente la degustazione – a due Castelli. Il primo che incontrate sulla strada del ritorno è il Castello di Meleto. Non esiste data certa sulla nascita del castello ma  compare in alcune carte nel XII sec. come proprietà della famiglia Firidolfi-Ricasoli. L’edificio subisce nei secoli mutamenti ed ampliamenti che non ne hanno mutato la bellezza. Per informazioni su visite al castello e degustazioni www.castellomeleto.it

Tornando sulla 408 si prosegue in direzione di Siena. Dopo pochi chilometri si trova il bivio per Monti in Chianti e Brolio, la vostra meta. Le prime tracce del castello ci portano al 1009 ma il castello assumerà importanza qualche anno più tardi a seguito delle guerre tra Senesi e Fiorentini. Dopo il secondo assedio degli aragonesi nel 1529 il castello viene conquistato dal Duca di Calabria. Siena da ordine di demolire il castello medievale. Restano soltanto i basamenti delle scarpate e della torre e poco altro. La ricostruzione termina nel 1553. L’aspetto attuale del castello lo si deve al restauro promosso dal barone Bettino Ricasoli nel 1860.

La famiglia Ricasoli è tutt’oggi proprietaria del castello di Brolio e sapientemente continua la produzione di vino ed olio. Per le degustazioni non è necessaria la prenotazione ma diventa indispensabile se volete visitare le cantine. Da pochi anni le stanze del castello sono state aperte al pubblico. Uno spettacolo da non perdere. Chiedete la possibilità di un biglietto integrato con la visita alle cantine, la degustazione ed il castello e se avete tempo fermatevi a mangiare alla loro osteria. Tutto si trova a breve distanza da percorrere a piedi. Per informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questa è l’ultima tappa del nostro breve viaggio, in una terra che ha molto, molto altro da mostrarvi.

Ci scusiamo con chi non  abbiamo citato. Noi abbiamo solamente aperto un libro ed iniziata la lettura….